Per il futuro… 2018

Siamo in coda per visitare il futuro… ma la maggior parte degli uomini sono già tutti esauriti: così il futuro ci renderà liberi, solo se impareremo dagli errori passati. Il futuro si tingerà di giallo poiché non sappiamo cosa ci aspetta ma, ad ogni ragionevole dubbio, il futuro ci illuminerà. La tendenza insita nell’uomo sono i suoi sogni proiettati nel futuro; il dilemma ne comprometterà le certezze. Non inseguire mai una chimera estinta. Il futuro lo conosci come fosse tuo figlio, come la luce dell’aurora che si manifesta gradualmente. Proietta tuo figlio in un futuro migliore. I fantasmi del passato sono già stati esorcizzati, mentre gli spettri del futuro, li prenderemo per previsioni taroccate. Il futuro si guarderà bene dal fare propaganda, altrimenti “si svela”, siffatto il futuro improvviserà e arriverà in tempo reale. Lasceremo il passato con le sue illusioni scadute e nel futuro si inseguiranno altre chimere. Ai richiami di pace, l’oracolo, raccoglierà presente e futuro, aspettando una resa. Al futuro non si comanda… per cui non avere fretta. Il futuro sarà breve nella sua lunga attesa. Ai confini della realtà esiste un futuro sconfinato: senza rimpianti, camminerò in quella direzione, perfettamente compatibile con il mio essere.

(Composizione di frasi sul “futuro” estrapolate dalle mie poesie e da altri miei scritti)

© Adriana Mirando (immagine presa dal web)