Illuminazione

Percorrendo
il sentiero luminoso dell'ispirazione
mi ritrovai in uno scenario incantato, 
tra realtà e fantasia, 
scorsi una creatura leggendaria 
dal nome melodioso
che in seguito
mi portò fortuna,
Nana Drì.
Era in compagnia 
di un essere favoloso 
che le dava il senso della magia
in un arcobaleno falotico 
di nuovi colori.
Nel segno di una rinascita 
lei riscoprì l'energia del cuore
e un desiderio nascosto:
fu così che in un contrasto armonico
ritrovò la meraviglia
del suo numinoso interiore.
In quella purezza espressiva,
mi convinsi che l'arte 
era cercare la magia del sé,
realizzando nel tempo,
che quella illuminazione 
non era avvenuta per caso,
ma a suggerirmi 
fosse la mia vocazione.

© Adriana Mirando